Decreto ingiuntivo di pagamento

Il procedimento di ingiunzione (ricorso per decreto ingiuntivo ex art. 633 c.p.c.) è uno strumento veloce e snello per ottenere la condanna giudiziale di pagamento di una somma di denaro nei confronti del debitore.

L'emissione di un decreto ingiuntivo si ottiene infatti in brevissimo tempo rispetto ad una causa ordinaria; per intenderci, di norma, il decreto viene emesso dai 3 ai 30 giorni dal deposito del ricorso in Tribunale.

L'emissione di un decreto ingiuntivo si ottiene infatti in brevissimo tempo rispetto ad una causa ordinaria; per intenderci, di norma, il decreto viene emesso dai 3 ai 30 giorni dal deposito del ricorso in Tribunale.

Si ricorre al decreto ingiuntivo in caso di fatture non pagate, pagamenti insoluti, canoni di locazione scaduti, stipendi non versati ecc., radicando la domanda presso il Tribunale competente (di solito quello del creditore) e depositando prova scritta relativa all'esistenza del credito insoluto.
Il Tribunale, ritenuti sussistenti le condizioni di legge, senza convocare il debitore (inaudita altera parte), emette un decreto di condanna al pagamento della somma vantata, degli interessi e spese legali che andrà notificato al debitore, il quale potrà poi opporsi all'ingiunzione tassativamente entro 40 giorni dal ricevimento della notifica.
In mancanza di opposizione nel termine anzidetto, ovvero nei casi in cui il decreto sia provvisoriamente esecutivo (ossia quando, ad es., si fornisce prova scritta del riconoscimento del debito), il decreto ingiuntivo diventa definitivo e non più impugnabile ed il credito potrà essere riscosso mediante il pignoramento mobiliare, il pignoramento immobiliare o il pignoramento presso terzi (blocco del conto corrente, pignoramento di somme dovute da terzi al debitore ecc.).

Mediante decreto ingiuntivo è possibile altresì iscrivere ipoteca giudiziale sui beni registrati del debitore, a garanzia dell'ammontare del credito stesso e delle spese legali sostenute.

Lo Studio legale Avv. Carlo Moro assiste con professionalità e competenza privati ed imprese nel recupero e gestione dei crediti in sofferenza.

Costi: Per le imprese che necessitano di esternalizzare frequentemente l'attività di recupero crediti aziendale ovvero con gli amministratori di condominio che intendono affidarci il recupero giudiziale e stragiudiziale di crediti condominiali, possiamo pattuire condizioni personalizzate particolarmente vantaggiose.

Tempi: come anzidetto la tempistica media per ottenere un decreto ingiunzione varia da 3 a 30 giorni, a seconda del Tribunale e del ruolo del giudice a cui viene assegnato.







Per maggiori informazioni o per valutare, senza impegno, la fattibilità del recupero del tuo credito, fissa un appuntamento con noi utilizzando il form a sotto. Otterrai un preventivo personalizzato, con tempi e costi del nostro servizio.

Esempio di decreto ingiuntivo. Pag. 1

Esempio di decreto ingiuntivo. Pag. 2

parallax background